La Madonna dell’Elemosina a Piacenza

Per la chiusura dell’Anno Santo della Misericordia, presente in terra emiliana una riproduzione dell’Icona della Vergine dell’Elemosina di Biancavilla.
La Comunità parrocchiale della Sacra Famiglia in Piacenza, è infatti spiritualmente legata al Santuario mariano biancavillese.

Redazione SME

15129778_1470315982980345_1643023361_nUna domenica speciale per la comunità parrocchiale della Sacra Famiglia a Piacenza. Grande partecipazione di fedeli, infatti, domenica 20 novembre, con la presenza in chiesa di una riproduzione della Sacra Icona della Madonna dell’Elemosina di Biancavilla, gemellata spiritualmente dal 6 gennaio di quest’anno con la Basilica-Santuario della città etnea. Mentre in piazza San Pietro in Vaticano il Santo 15134328_1470316156313661_175264661_nPadre Francesco ha chiuso la Porta Santa, nella chiesa della Sacra Famiglia di Piacenza si è celebrata la S. Messa nella solennità di Cristo Re, che coincide con la fine del ciclo dell’Anno Liturgico. Una preghiera di ringraziamento anche per l’Anno di grazia appena trascorso, dove l’Icona di Biancavilla è stata protagonista in più momenti non solo in Vaticano ma in tutto il mondo. Per la seconda volta i fedeli del vasto 15151339_1470316049647005_1305201574_nquartiere “Infrangibile” hanno potuto ammirare la bellezza di quest’Icona che ha incantato il cuore del Santo Padre Francesco e del Papa Emerito Benedetto XVI. Il quadro, infatti, si trova normalmente all’interno della sala da pranzo della Casa Accoglienza-dormitorio antistante la chiesa, ed è stato donato alla parrocchia nel gennaio di quest’anno dai ragazzi del “Gruppo Giovani”, da un’iniziativa partita dal img_54240_89013biancavillese Mirko Giordano, devotissimo della Madonna dell’Elemosina, che a dicembre 2015, durante un incontro di Avvento, ha spiegato l’importanza dell’icona e una certa somiglianza con un’altra, appartenente alla tipologia della Vergine della Tenerezza che si trova in una chiesa ortodossa nel centro storico di Piacenza. Nel corso della celebrazione, presieduta al Parroco don Angelo Cavanna un omaggio 15151328_1470316186313658_2047111056_nfloreale e l’accensione di un cero ai piedi della Vergine. Nel corso della giornata, al termine di ogni S. Messa, sono state distribuite oltre 200 immaginette della Bella Madre dell’Elemosina. I fedeli si sono accostati ai piedi dell’altare maggiore per vedere da vicino l’Icona della Madonna. “Sono onorato – dice Mirko – di aver portato la presenza l’Icona di Biancavilla nella mia parrocchia, venerata dai Papi”. Ancora una volta si è confermato il bellissimo rapporto fraterno tra la realtà mariana biancavillese e la Parrocchia Piacentina.

15174686_1470315922980351_625500441_n

Don Agrippino Salerno confermato Prevosto-Parroco della Parrocchia “S. Maria dell’Elemosina”, Basilica Collegiata Santuario di Biancavilla per ulteriori nove anni.

giubileo-mariano163

L’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina” formula sentite congratulazioni al Rev.do Don Agrippino Salerno, che stamattina ha ricevuto dalle mani dell’Arcivescovo di Catania il Decreto di nomina di Prevosto-Parroco della Parrocchia “S. Maria dell’Elemosina”, Basilica Collegiata Santuario di Biancavilla, per ulteriori nove anni, a decorrere dal 1° novembre 2016 e fino al 31 ottobre 2025.

La notizia ufficiosa, che da diversi giorni circolava in parrocchia, oggi è divenuta ufficiale. A norma dello Statuto dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, il Parroco pro-tempore è anche Assistente Spirituale dell’Aggregazione mariana che ha sede nella Basilica Santuario.

La conferma di Don Agrippino giunge a coronamento di un anno intenso di iniziative caritative, spirituali e culturali, e di solenni celebrazioni per il Giubileo straordinario della Misericordia, di cui la Vergine Maria dell’Elemosina è divenuta quasi un simbolo universale.

Nell’accogliere con gioia la decisione dell’Arcivescovo Salvatore, sempre attento e premuroso verso la nostra comunità, invitiamo a rendere grazie al Signore per il dono dei suoi ministri.

A Don Pino, che dal 1° novembre 2007 ha la cura pastorale della Matrice, giungano gli auguri più fervidi, carichi di preghiera, per la prosecuzione del suo ministero di generoso servizio a favore dei fedeli e per continuare con zelo nella cura del maggior tempio dei biancavillesi, chiesa madre e scrigno dei tesori più belli della nostra città.

pontificale-e-processione-icona171La Vergine dell’Elemosina, Madre di Misericordia, lo sostenga con la sua tenerezza nelle vicende del lavoro quotidiano, perché sia sempre più conforme all’immagine di Cristo, pastore buono e misericordioso, a edificazione della Chiesa, casa di misericordia per ogni uomo.

Biancavilla, 18 novembre 2016
Il Presidente, il Consiglio Direttivo e i Soci.

Chiusura Giubileo della Misericordia nel Santuario mariano di Biancavilla

di Giuseppe Sant’Elena

conclusione-anno-giubilare15Grandissima partecipazione di fedeli ieri, domenica 13 novembre 2016, presso la Basilica Collegiata Santuario di Biancavilla in occasione della chiusura del Giubileo straordinario della Misericordia, indetto dal Sommo Pontefice Francesco. In concomitanza con tutte le Chiese Cattedrali, le Basiliche papali (esclusa San Pietro), i conclusione-anno-giubilare29maggiori Santuari e le chiese indicate come luogo di indulgenza, alle ore 18,30 è stata officiata una Celebrazione eucaristica, presieduta da S. E. Mons. Pio Vittorio Vigo, Arcivescovo-Vescovo emerito di Acireale, ricca di riti e segni che hanno caratterizzato la chiusura di un Anno Santo altresì colmo di emozionanti momenti. Alla conclusione-anno-giubilare46Celebrazione, presente una rappresentanza dell’Associazione “Maria SS. dell’Elemosina”, l’Associazione “F.I.D.A.P.A.” di Adrano-Biancavilla, le coppie di fidanzati, prossime al Matrimonio, che hanno compiuto il loro giubileo, e i ministranti del santuario che hanno curato il sevizio liturgico. A sostenere i canti, la Corale polifonica conclusione-anno-giubilare76“S. Maria dell’Elemosina”. Sin dal saluto iniziale, il prevosto parroco don Agrippino Salerno, ha esternato la sua emozione e il rendimento di grazie a Dio per aver donato alla comunità Biancavillese una così grande grazia, quale il Giubileo, ricordando ai fedeli convenuti che certamente si potrà chiudere il Giubileo e le porte sante, ma la conclusione-anno-giubilare79porta del cuore di Dio rimarrà sempre aperta per accogliere i sui figli, e sta a noi – insegnamento del Giubileo – attraversarla. “Il Giubileo della Misericordia mi ha insegnato ed esortato a cercare di essere, qui in terra, un beato, nonostante le difficoltà mondane”. Queste sono state le parole dell’omelia dell’Arcivescovo Vigo che ha conclusione-anno-giubilare84spiegato ai fedeli i benefici che il giubileo della Misericordia ha voluto lasciare al popolo di Dio, esclamando che tutti dobbiamo farci “beati”, seguendo le opere di Misericordia, metodo per farci santi in terra. “La Madonna dell’Elemosina – ha continuato Monsignor Vigo – presente nel Dna di ogni biancavillese, e che voi tanto amate e venerate, sia da conclusione-anno-giubilare89speciale esempio e guida per essere come il Padre, docili e misericordiosi”. Dopo il canto del Magnificat, con il quale tutto il popolo, guidato da Maria madre della Misericordia, ha ringraziato il Padre Celeste, e la benedizione solenne impartita dal vescovo celebrante, si è snodata una particolare ed emozionante processione interna al conclusione-anno-giubilare97Santuario che ha accompagnato la Sacra Icona della Vergine dell’Elemosina, protagonista del Giubileo a Biancavilla e nel Mondo, recentemente venerata dai “due papi” a Roma, ammirata e supplicata come madre di misericordia da fedeli di tutti i continenti, dall’altare maggiore, luogo che l’ha custodita per quest’Anno Santo, alla sua conclusione-anno-giubilare102secolare Cappella-custodia. Giunti ai suoi piedi, riposta al suo altare, i fedeli hanno intonato la preghiera della “Salve Regina” e, dopo la recita di una preghiera mariana da parte di due emozionati rappresentanti della “F.I.D.A.P.A.”, il vescovo Vigo insieme al conclusione-anno-giubilare106Prevosto hanno recitato la tradizionale orazione alla Madonna dell’Elemosina che ha segnato definitivamente la chiusura del giubileo straordinario della Misericordia a Biancavilla.

conclusione-anno-giubilare109

La Madonna dell’Elemosina a Latiano (Br) per la Settimana diocesana della Misericordia

Redazione SME

p1190260Ciascun comune della Diocesi di Oria, in Puglia, nel corso del Giubileo della Misericordia, ha vissuto la “Settimana della Misericordia” con la presenza quotidiana del vescovo diocesano, Monsignor Vincenzo Pisanello. Questo percorso di fede e di riconciliazione si è concluso con la “Settimana della Misericordia”a Latiano (Br), celebrato dalla comunità cittadina da sabato 22 a domenica 30 ottobre scorsi.
p1190219La “Settimana della Misericordia” in questa comunità pugliese di 15mila anime, si è aperta nel pomeriggio del 22 presso la Chiesa Madre Collegiata dedicata alla Madonna della Neve con una celebrazione comunitaria presieduta dal vescovo Pisanello. In questa straordinaria circostanza è stata esposta alla venerazione dei fedeli di tutta la diocesi, una riproduzione dell’Icona della Madonna dell’Elemosina venerata a Biancavilla. È stato il parroco don Salvatore Rubino, coadiuvato dai giovani di quella p1190390comunità, in particolare da Eupremio Pignatelli, a richiedere al Santuario di Biancavilla una grande immagine da poter esporre in Chiesa per la ricorrenza giubilare. Di buon grado, la richiesta è stata accolta, permettendo così che la Madre della Misericordia, “Icona mariana” del Giubileo della Misericordia, potesse ancora una volta varcare i confini della Sicilia ed essere venerata da altri fratelli e sorelle che professano l’unica fede nel Dio uno e trino e che nella Madre del Signore vedono il modello più bello e 14666290_1130502046987256_1197320899498837353_ngrande di vita cristiana. Le celebrazioni e le ricche iniziative latianesi si sono svolte così sotto lo sguardo tenero della Madonna di Biancavilla e hanno visto momenti di catechesi cittadina sulle opere di misericordia a cura del Vescovo, la celebrazione dell’Unzione degli infermi, l’iniziativa “24 ore per il Signore” con l’adorazione eucaristica e la Confessione ininterrottamente per ventiquattro ore, la celebrazione della Cresima e la visita agli ammalati; nonché momenti culturali, incontri con i giovani, con i volontari e con le varie realtà del territorio, coinvolgendo i fedeli di tutte le comunità parrocchiali cittadine.

23_madonna-neve

CONCLUSIONE GIUBILEO DELLA MISERICORDIA NEL SANTUARIO GIUBILARE DI S. MARIA DELL’ELEMOSINA IN BIANCAVILLA

teaserbox_51075387Domenica 13 Novembre 2016 – ore 18,30:
CELEBRAZIONE EUCARISTICA DI RINGRAZIAMENTO e preghiera per i benefici elargiti nell’Anno Santo.

Presiede S. E. Rev.ma Mons. Pio Vittorio VIGO, Arcivescovo-Vescovo emerito di Acireale.

Solenne canto del Magnificat.

Dopo la liturgia, l’Icona della Madre dell’Elemosina, dall’Altare maggiore, dove è stata esposta tutto l’anno, sarà traslata alla Sua Cappella-Custodia.

***
Domenica 20 Novembre 2016 – ore 18,30:
In comunione con la chiusura della Porta Santa nella Basilica Papale Vaticana, S. Messa e preghiera per il Santo Padre Francesco.
Al termine, “Misericordia eius”, omaggio musicale e canoro alla Beata Vergine Maria, Madre della Misericordia. All’organo il M° Vincenzo Benina.